mercoledì 19 aprile 2017

La granola per la prima colazione



Come detto ormai tantissime volte, fare la colazione è fondamentale e renderla gustosa e accattivante per me è sacrosanto.

Pertanto mi sono cimentata, con ottimi risultati di gusto, nella preparazione della granola a base di farro e riso soffiati e frutta secca a volontà.

Sana nutriente e senza grassi "strani", come piace a noi!

La base di partenza è presa da Dissapore, poi l'ho modificata in base al mio gusto personale.

Vale la pena provarci, e poi c'è più gusto a farsela da se!😋

INGREDIENTI

- 250 g tra Riso e farro soffiati,
(potete anche usare fiocchi d'avena, kamut ecc.)
- 250 g Frutta secca mista (nocciole, mandorle, pistacchi ecc.) tritata a coltello grossolanamente
- 50 g Frutta disisdratata (uvetta, mirtilli ...)
- 2 cucchiai di Zucchero di canna
- 2 cucchiai di olio d'oliva delicato,
- 4 cucchiai di miele d'acacia o sciroppo d'acero
- 100 ml di acqua

- Accendere il forno a 150°C.
- Mescolare in una ciotola ampia i cereali, la frutta secca e lo zucchero.
- Mettere sul fuoco una pentola con acqua, miele (o sciroppo) e olio; portare ad ebollizione e far sobbollire lentamente per 5' ca.
- Togliere dal fuoco e versare questa miscela nella ciotola contenente gli altri ingredienti e mescolare con cura.
- Se usate la frutta disidratata, vi consiglio di metterla a bagno in poca acqua sia per sciacquarla e sia per renderla più morbida, tanto poi seccherà in forno.
- Ricoprire la teglia del forno di carta forno, e versare tutto il mix eccetto la frutta disidratata; livellare senza schiacciare troppo e infornare.
- Rivoltare dopo 10'.
- Dopo 30' ca, (sempre mescolando velocemente ogni 10') aggiungere la frutta disidratata scolata e lasciare in forno per altri 15' ca, mescolando di tanto in tanto per evitare di far seccare tutto.
- Se volete una granola agglomerata, lasciate raffreddare in forno, poi riponete il tutto in barattoli di vetro.

- Volendo, potete aggiungere anche gocce di cioccolato prima di riporre in barattolo. Io le prime volte, la univo al mix prima di infornare con inevitabile scioglimento 😩

martedì 4 aprile 2017

La ciambella pasquale ovvero ... il pizzo palumbo

 

Fino allo scorso anno, non conoscevo affatto questo dolce, pur abitando a pochi chilometri dal paese, Lucera in provincia di Foggia, dove invece regna sovrano su ogni tavola il giorno di Pasqua.

Poi, complice un amico di mio figlio che glielo ha fatto assaggiare, e visto il suo entusiasmo nel descrivermi la bontà del dolce, mi sono attivata, documentata, ed ho scoperto che è molto diffuso in tutta la Daunia...per cui dovevo assolutamente farlo ... ed eccolo qua!

Essendo un dolce della tradizione, ha pochissimi ingredienti ed un'esecuzione veramente semplice, adatta a tutti. Ma sulla bontà e su quanto sia soffice ... credetemi; è pazzesco! Straordinario a colazione😏😉Inoltre è senza lattosio per cui è adatto agli intolleranti.

Quindi quest'anno, oltre alla pastiera, alla colomba e all'immancabile uovo di Pasqua, sulla mia tavola campeggerà anche U pizz Palumb (in dialetto) letteralmente pezzo di colomba.


INGREDIENTI: per uno stampo a ciambella da 26 cm

- Farina tipo 1, 250 g
- Fecola, 50 g
(in ricetta è indicata farina 00 nella dose di 300 g)
- Zucchero, 190 g
- Uova medie, 3
- Latte senza lattosio, 100 ml
(sostituibile con latte intero)
- Olio di riso, 125 ml
(oppure olio di semi)
- Lievito per dolci, 1 bustina
- Scorza di 1/2 limone
- Polpa di vaniglia, q.b.

Per il Naspro (glassa)
- Albume, 1
- Zucchero semolato, 250 g
- Poche gocce di limone
Inoltre
- Codette colorate per decorare


- Montare le uova con lo zucchero, per almeno 10', aggiungere l'olio a filo sempre mescolando con le fruste, poi unire il latte ed infine le polveri (farina, fecola e lievito) setacciate. Unire la scorza del limone e la vaniglia.
- Se avrete montato a lungo le uova con lo zucchero e inserito gli altri ingredienti come indicato, otterrete un impasto quasi bianco, omogeneo e senza grumi.
- Imburrare ed infarinare lo stampo, quindi versare l'impasto e cuocere in forno caldo a 175°C per 25' (termoventilato) oppure 180°C per 30' (statico); vale sempre la prova stecchino che dovrà essere asciutto.
- Qualche minuto prima di sfornare il dolce, preparare il naspro, mescolando velocemente gli ingredienti tra loro.
- Sfornare il dolce, attendere una decina di minuti e sformarlo poggiandolo su una gratella con un piatto sotto.
- Versare il naspro su tutta la superficie della ciambella e decorare con gli zuccherini colorati.

P.S. è ancora soffice  dopo 4 giorni in credenza 

giovedì 23 marzo 2017

La Red Velvet ...la rossa che conquista


Ed ecco che anche la famosa Red Velvet cake è finalmente comparsa sulla mia tavola!

Perfetta per la festa degli innamorati o per la festa della mamma, ma anche (perché no?!) per un compleanno, questa torta vi conquisterà sicuramente, come è successo a noi quando l'ho preparata (ebbene sì, era S. Valentino 😅).

La famosa torta di origine americana è particolare per il suo intenso colore rosso dato, quando ancora non si usavano i coloranti alimentari, dal succo della barbabietola rossa! Inoltre, è talmente soffice che non necessita di nessuna bagna 😉
Va da  se, che oggi grazie all'uso dei coloranti, la barbabietola rossa non compare più tra gli ingredienti.
La farcia solitamente è una crema bianca  a base di formaggio spalmabile o mascarpone e panna ...ingredienti che qui a casa non amano particolarmente e che ho quindi sostituito con la mia spettacolare crema al latte, senza uova, che riscuote sempre un grande successo.

Quindi, leggete la lista degli ingredienti, e stupite i vostri cari!

Sono partita da qui ... poi ho apportato le mie modifiche

INGREDIENTI
Per la red velvet
- Farina tipo 1 (oppure 00), 350 g setacciata
- Zucchero semolato, 280 g
- Latticello, 250 g
(oppure 125 g yogurt magro + 125 g latte parz. scremato + 1 cucchiaino di limone) * ho usato latte e yogurt senza lattosio
- Aceto di mele o bianco, 1 cucchiaino
- Uova, 2 grandi (120 g)
- Olio di riso, 200 ml (o altro olio delicato)
- Bicarbonato, 1 cucchiaino
- Colorante rosso in polvere, q.b. (dipende dalla marca)
- Cacao amaro in polvere, 2 cucchiai rasi
- Vaniglia q.b.
- Sale,  un pizzico.

- La combinazione chimica  bicarbonato/aceto, aiuta la lievitazione. E non preoccupatevi!
l'aceto non si percepisce minimamente.
- Attenzione a non lavorare eccessivamente gli ingredienti altrimenti la resa non sarà soffice e umida.

- Preparate il latticello: mescolare gli ingredienti in una ciotola, coprire e lasciare riposare a temperatura ambiente per mezz'ora.
- Intanto lavorate con l'ausilio della planetaria o delle fruste elettriche le uova con lo zucchero e l'olio, unite il latticello e la farina miscelata al cacao in due volte. Lavorare a bassa velocità.
- In una ciotolina, unite il bicarbonato all'aceto, mescolate velocemente (l'unione dei due elementi creerà una leggera schiuma) e versate nell'impasto.
- Unite a questo punto il colorante rosso, procedendo per gradi, aggiungere mezzo cucchiaino all'impasto e mescolare, poi regolatevi se aggiungerne altro.
- Ultimare l'impasto aggiungendo il pizzico di sale e la vaniglia.
- Ungete lo stampo in cui volete cuocere la torta, io ho usato uno stampo particolare a ciambella, oppure dividete l'impasto in 3 teglie da 18 cm di diametro e cuocete in forno caldo a 170°C per 30' ca (fate la prova stecchino).
- Sfornate, e sformate.

Per la crema di latte e miele
- Latte intero o parz. scremato, 400 ml
- Panna fresca, 150 ml
- Miele, 1 cucchiaino
- Zucchero, 80 gr (meglio se extrafine)
- Amido di mais, 40 gr
- Vaniglia in polpa, q.b.

- Il procedimento estremamente semplice lo trovate qui

- Non appena la ciambella è pronta, tagliatela in due e farcitela con la crema. Mentre se optate per le tre tortine da 18 cm dovete mettere la crema tra una tortina e l'altra creando una piccola torre (torta-crema-torta-crema-torta).

- A questo punto non vi resta che decorare la Red Velvet seguendo la vostra ispirazione! Io ho usato le fragole, che guarda caso sono rosse e abbinate alla torta sono fantastiche! 😋


venerdì 3 marzo 2017

Cantucci ai pistacchi e cioccolato

Ogni tanto la mia biblioteca "culinaria" si arricchisce di un nuovo libro.😉
L'ultimo arrivato è "Che paradiso è senza cioccolato?" di E. Knam", e sfogliando le pagine ho scelto di fare questi cantucci ai pistacchi.
Sono andati letteralmente a ruba ... e non scherzo!
Hanno una friabilità pazzesca e il connubio del cioccolato con i pistacchi è semplicemente fantastico.
Sono anche molto semplici da fare e se fate la dose intera, che consiglio caldamente, vengono fuori circa 60 pezzi.
Ai fornelli dunque! 😃

INGREDIENTI 60 pezzi ca.

- Farina setacciata tipo 1 o 00, 300 g
- Zucchero semolato, 225 g
- Uova medie intere, 2
- Pistacchi, 375 g
- Cioccolato fondente tritato a coltello o in gocce, 60% di cacao, 150 g (ho usato metà gocce e metà tritato)
- Vaniglia, 1/2 bacca
- Ammoniaca per dolci, 8 g (diluita in poco latte)

- Porre in una ciotola, le uova con lo zucchero e scaldare a bagnomaria mescolando. Quando la T. avrà raggiunto i 45°C montare con la frusta.
Se non possedete il termometro, togliete dal frigo le uova almeno due ore prima e poi montatele con lo zucchero per almeno 20' ma non a bagnomaria. Le uova dovranno essere praticamente bianche, leggere e spumose.

- In un'altra ciotola mescolate gli altri ingredienti.
                                                                                                   
- Unite i due composti e lavorate a mano o con la planetaria.
- Formate dei cilindri con l'impasto ottenuto e disponeteli su una teglia rivestita di carta da forno e cuoceteli in forno caldo a 180°C statico per circa 12' o 175°C termoventilato per 10'.
- Tirate fuori dal forno, lasciate intiepidire per 5' poi, quando sono ancora caldi tagliate obliquamente i cilindri. Non aspettate che si raffreddino  altrimenti si sbriciolano.
- Tostate in forno per 8' ca, 4' per lato.
- Si conservano nella scatola di latta, se ci arrivano, per giorni e giorni.




lunedì 20 febbraio 2017

Torta rustica di patate e mozzarella


Se amate le torte salate, le quiche, e avete poco tempo in cucina, questa ricetta fa al caso vostro!

E' una ricetta "salvacena",se vogliamo, a base di pasta sfoglia già pronta, mozzarella patate e prosciutto cotto; tutti ingredienti che spesso abbiamo in frigorifero.

Davvero saporita e semplice da fare.

Pronti a prendere appunti?

INGREDIENTI teglia rettangolare 26x30

- Rotolo di pasta sfoglia rettangolare, 1
- Prosciutto cotto, 200 g (o quello a dadini già confezionato)
- Mozzarelle ciliegine, 250 g
- Patate,  250 g
- Origano secco, olio, sale e pepe, q.b.

- Lavate, sbucciate e lessate le patate nel modo a voi più comodo, poi tagliatele a tocchetti più o meno regolari.
- Nel frattempo fate sgocciolare le mozzarelline dal liquido di governo.
- Preriscaldate il forno a 200°C
- Tritate il prosciutto
- Stendete la pasta sfoglia, spennellatela con poco olio e distribuite l'origano e le patate, lasciando un po' di spazio tra loro per inserire un cucchiaio di prosciutto cotto.
Salate e pepate, aggiungete altro origano se piace e un filo d'olio.

- Cuocete per una ventina di minuti circa. Fuori dal forno, lasciate riposare 10' e servite a spicchi o a fette.

P.S. quando è stagione, al posto dell'origano potete usare il basilico!

domenica 12 febbraio 2017

Crostata al mou salato e cioccolato...ovvero la Giulio


La torta che Knam ha presentato in una puntata del programma "Bake off" dedicata al figlio Giulio, è perfetta da regalare e regalarsi per S. Valentino!

Voluttuoso e goloso scrigno di frolla al cacao che racchiude un sorprendente caramello salato che esalta il sapore della ganache al cioccolato! (.. alla fine vi troverete con una torta gradevole come poche- [cit.]) ... 😍 ... Devo aggiungere altro?

Insomma per tutti coloro che amano il cioccolato e amano coccolare i propri cari con un dolce, questo non può mancare.

Per la decorazione vi potete sbizzarrire con i ritagli della pasta frolla, io qui vi propongo due mie soluzioni.

Ricetta tratta dal libro Che paradiso è senza cioccolato?

INGREDIENTI

- Per la frolla (ne occorrono 300 g per cui con i ritagli fate le decorazioni, il resto lo congelate se non volete usarlo subito)
- Farina tipo 1, 400 g (oppure 00)
- Burro morbido, 250 g
- Zucchero semolato, 250 g
- Uova, 100 g (2 medie)
- Lievito in polvere, 10 g
- Sale, pizzico
- Cacao, 80 g

- Impastare a mano sulla spianatoia o nella planetaria con la foglia, il burro morbido con lo zucchero e la vaniglia. Unire lentamente le uova, cacao, lievito e farina setacciati, e il sale.
- La pasta risulterà piuttosto morbida, ma dopo il riposo in frigo (obbligatorio), avvolta nella pellicola, si stenderà benissimo.

- Per il mou salato
- Panna fresca liquida, 100 ml
- Zucchero semolato, 100 g
- Burro morbido, 90 g
- Fior di sale, 2 g

- In un pentolino d'acciaio a bordi alti, caramellare lo zucchero a fiamma bassa. Quando lo zucchero sta per diventare biondo, fate bollire la panna, togliete il caramello dal fuoco e versate poco per volta la panna mescolando (attenzione agli schizzi). Il caramello che ha una temperatura molto elevata, a contatto con la panna, tenderà a salire (ecco perché serve un tegame a bordi alti) ma non preoccupatevi, si abbassa subito.
Riportate sul fuoco a fiamma bassa e mescolate per 5' ca. , poi aggiungete il burro morbido e il sale.
- Mescolate con cura, spegnete e mettete da parte.

- Per la ganache al cioccolato: (dose per 500 g,ne occorrono 200 g)
- Cioccolato fondente, 300 g
- Panna fresca, 220 ml

- Portare a bollore la panna, toglierla dal fuoco e versarla lentamente sul cioccolato tritato. Mescolare con la frusta e lasciarla a t.a.

MONTAGGIO
- Imburrare uno stampo da 18/ 20 cm diametro.
- Stendere la frolla in un disco di 2,5 mm, ritagliare il fondo e foderare l'interno dello stampo. Ritagliare una striscia per il bordo, farla aderire e passare lo stampo in frigo per mezz'ora.
- Coprire il guscio con carta forno, riempire di biglie in porcellana, riso o altro fino all'orlo e cuocere prima in bianco, per 15' a 180°C, poi togliere carta e pesi e proseguire la cottura per altri 5'.
- Una volta fredda, rimuoverla delicatamente dallo stampo e riempire per metà con il caramello salato. Passare in freezer per un'oretta circa.
- Versare sul caramello congelato, la ganache e passare il dolce in frigo.

- Con i ritagli di pasta che avete preparato a forma di cuore, decorate il dolce prima di servire.
- Oppure, sempre prima di servire, decorate con qualche cristallo  di sale.

mercoledì 8 febbraio 2017

Crema pasticcera variegata


Volete stupire con un altro effetto speciale i vostri cari? (dopo il fantastico plumcake 💜 che ha riscosso molto successo)

Siete in cerca di qualche idea veloce per  S. Valentino?

Preparate la crema variegata!

 Per ottenere questo effetto, basta mettere qualche goccia di colorante alimentare sul bordo del sac-a-poche munito di bocchetta a stella, magari aiutandovi con un pennello, poi inserite la crema normalmente e spremete i ciuffetti sul dolce. Fatto! 😉

In questo modo, ho farcito e decorato dei semplici cuori di pasta sfoglia.

Ora tocca a voi, usate la fantasia e decorate i vostri dolci.

INGREDIENTI

- Latte intero, 500 ml
- Zucchero semolato, 120 g
- Amido di mais, 18 g
- Amido di riso, 17 g
- Polpa di vaniglia, q.b.
- Uova intere, 2

Inoltre:
- Una puntina di Colorante alimentare in polvere  diluito in pochissimo alcool per dolci

- In una boule, sbattere le uova con lo zucchero, unire il latte, le polveri e la vaniglia; mescolare.
- Cuocere al micro, alla max potenza per 2', poi mescolare velocemente e rimettere in forno per altri 2'. Potrebbero servire altri 30'' , dipende da quanto è potente il vostro microonde.

- Con la stessa tecnica potete colorare le meringhe e la panna montata. Avrete un effetto sorprendente! 💜


mercoledì 1 febbraio 2017

Plumcake dolce cuore ... colazione a sorpresa per S. Valentino


Che festa degli innamorati è se noi che "pasticciamo" non presentiamo un dolce che ricordi l'amore?
Fermo restando che chi si ama, si ama 365 giorni l'anno e non solo il 14 Febbraio e ... bla bla bla ... quest'anno proviamo a portare in tavola, magari a colazione,  un dolce plumcake che, se come ho fatto io, tagliate al momento, lascia tutti a bocca aperta!
L'effetto sorpresa è garantito! Quando ho tagliato il plumcake l'altro giorno, perfino il più distratto di casa è rimasto a bocca aperta!
  "Ma come hai fatto?" 😄😄

L'esecuzione, come vedrete poi nei passaggi fotografici, è molto semplice; si tratta di un pandispagna che può essere colorato di rosso (usando i colori idrosolubili), se volete stupire a S. Valentino, o al cacao o lasciato al naturale in altre occasioni, che poi viene coppato con un tagliabiscotti a forma di cuore (ma anche con altre formine di vostro gusto) e inserito all'interno della massa plumcake.
Divertitevi a preparare questo dolce plumcake per le persone che amate e servitelo a colazione, oppure a pranzo/cena accompagnato da crema inglese o panna montata.
Ricetta estrapolata qui, e personalizzata.

INGREDIENTI stampo plumcake 34x12
Per i cuori:
- Yogurt bianco, 3 cucchiai da cucina
- Farina tipo 1, 180 g (oppure 00)
- Zucchero, 80 g
- Uovo intero, 60 g (un uovo grande)
- Latte fresco, 120 ml
- Colorante idrosolubile, mezzo cucchiaino
- Lievito per dolci, 5 g
- Bacca di vaniglia, polpa q.b.
- Sale, un pizzico
- Olio di riso, 70 g (oppure 80 g di burro fuso)

- Se non trovate il colorante rosso potete usare il cacao (stessa dose), o usare 100 g di succo di lamponi

- Separare l'uovo e montare a neve ben ferma l'albume. (foto 2)
- Montare con il frullino, il tuorlo con lo zucchero, unire l'olio o il burro fuso a filo e poi lo yogurt e il pizzico di sale, mescolando bene. Unire poco per volta la farina setacciata con il lievito e la polpa di vaniglia, alternando lentamente con il latte.
- A questo punto, aggiungere il colorante o il succo e l'albume montato a neve incorporando delicatamente, con movimenti dal basso verso l'alto. (foto 1-3)
- Versare il composto in una pirofila, ho usato una in alluminio usa/getta da 8 porzioni, e livellare.
- Cuocere in forno caldo a 170°C (termovent.) per 15'  o 175°C (statico)-prova stecchino.
- Una volta freddo, sformare, coppare e mettere da parte. (foto 4)

Per il plumcake:
- Yogurt al naturale, 4 cucchiai
- Farina tipo 1, 260 g (oppure 00)
- Amido di mais, 70 g
- Uova intere, 120 g (pari a 2)
- Albume, 1
- Zucchero, 150 g
- Burro morbido, 150 g
- Latte fresco, 150 ml
- Lievito per dolci, 16 g
- Sale, un pizzico.
- Vaniglia in polpa, q.b.

- Montare l'albume a neve e mettere da parte.
- Montare lo zucchero con il burro morbido, poi unire le uova intere una alla volta, e mescolare fino ad ottenere una massa bianca e spumosa.
- Aggiungere lo yogurt e il sale.
- Unire le polveri setacciate, il lievito e la polpa, alternando al latte; mescolare bene.

- Versare 1/4 della massa nello stampo unto, adagiare i cuoricini senza lasciare spazio tra loro, e versare il resto della massa.
- Livellare con una spatola e cuocere in forno a 170°C (termoventilato) o a 175 °C (statico) per circa 40/45' (dipende sempre dal forno per cui fate la prova stecchino)
- Sfornare, sformare e lasciar raffreddare su una grata prima di tagliarlo
- Per Decorare: 
- Cioccolato bianco, 70 g
- Avanzi e ritagli di pandispagna.

- Sciogliere il cioccolato a bagnomaria o al micro, versarlo sul dolce freddo e decorare a scelta.

- Per il plumcake al cacao: sostituire l'amido di mais con la stessa quantità di cacao amaro. Ovviamente nulla vieta di aromatizzare con scorza di limone o arancia, estratto di mandorle ...

venerdì 27 gennaio 2017

Rotolo di patate con prosciutto cotto e provola


Piatto sostanzioso e ricco di sapore, la proposta di oggi è una valida alternativa al gateau di patate che trovate in alcune varianti qui e qui.

Sempre alla ricerca di piatti sfiziosi e accattivanti da portare a tavola, vagando in rete, ho trovato questo rotolo che mi ha conquistata per la sua facilità di esecuzione, il suo ripieno che può essere variato a piacere ma soprattutto perché piace proprio a tutti!

Accendete i fornelli dunque e portate in tavola il vostro rotolo di patate ripieno!

INGREDIENTI:

- Patate, 1 kg
- Tuorlo d'uovo, 1
- Parmigiano grattugiato, 50 g
- Sale, pepe e noce moscata, q.b.
- Provola affumicata, 100 g *
- Prosciutto cotto a fette, 100 g *
- Olio, 30 g
- Pangrattato, q.b.

- Lessare le patate nella maniera che preferite (io le sbuccio, le taglio in maniera più o meno regolare e le lesso 4/5' nella pentola a pressione con un bicchiere d'acqua a partire dal fischio) e schiacciatele quando sono ancora calde.
- Trasferite il passato in una capiente ciotola e unite il parmigiano, il sale il pepe e la noce moscata, infine il tuorlo. Amalgamate tutto per bene.
- Su un foglio di carta forno, stendete l'impasto dandogli la forma rettangolare, ricoprite con le fette di prosciutto







e la provola,alternando gli strati quindi arrotolate, aiutandovi con la carta , piuttosto stretto partendo dal lato lungo e sigillate bene i bordi.
Arrotolarlo non è complicato in quanto è ben compatto.

Ungetelo con l'olio delicatamente aiutandovi con un pennello da cucina e cospargetelo di pangrattato.
- Chiudete la carta forno a mo' di caramella e ponetelo in uno stampo da plumcake.
- Cuocete in forno già caldo a 200°C per mezz'ora circa.
- Sfornate, sformate e servite.

* Al posto del prosciutto potete mettere lo speck, o la mortadella e invece della provola affumicata provate la scamorza o una mozzarella ben sgocciolata e tagliata a fette sottili.

lunedì 16 gennaio 2017

Pasta gratinata con zucca speck e noci


Dopo tanti dolci, eccomi con un primo piatto!
Un piatto che in queste fredde giornate invernali è un piacere portare a tavola!!
Di facile esecuzione, colorato e saporito...
L'ingrediente principale è la zucca, l'ortaggio autunnale per eccellenza, che è ancora presente sui banchi ortofrutticoli e le cui proprietà diuretiche, antiossidanti e leggermente lassative sono note a tutti. Inoltre è un'ottima fonte di vitamine che in questo periodo caratterizzato dai malanni di stagione, può darci una mano. E che dire delle Noci? Fonti di Omega 6 contengono proteine e vitamine essenziali a prevenire tante malattie.
Insomma con questo piatto facciamo un pieno di "salute"!
Infine, dopo tutte queste nozioncine che manco un programma di divulgazione scientifica, va sottolineato che è veramente buono e ben equilibrato, grazie anche alla presenza dello speck  (che si può sostituire con pancetta affumicata) e la provola.

Non solo! Questa è la ricetta n. 300 che pubblico sul mio diario personale di esperienze culinarie!
Che altro dirvi?... non esitate...


INGREDIENTI 3-4 p

- Pasta formato "pennoni", 180 g
- Zucca, 500 g
- Noci sgusciate, 50 g
- Fecola di patate, 1 cucchiaino
- Parmigiano grattugiato, q.b.
- Provola affumicata spezzettata, 70 g
- Speck, 80 g
- Sale, pepe, olio d'oliva, q.b.
- Battuto per soffritto, 1 cubetto *

* Per il battuto:
- Un gambo di sedano, una carota, mezza cipolla
Tritare il tutto e porzionare nelle vaschette per il ghiaccio. Congelare. All'occorrenza usare a piacimento.

- Pulire la zucca, tagliarla a cubi e cuocerla in pentola a pressione per 2' con un cucchiaio di olio, due cubetti di  battuto e mezzo bicchiere d'acqua.
- Frullare la polpa di zucca, togliendo buona parte dell'acqua,  tenendola da parte.
- Rimettere sul fuoco e regolare di sale e pepe.
- Sciogliere la fecola in mezzo bicchiere di acqua di cottura fredda, unire alla zucca e cuocere per far addensare.(basta qualche minuto)
- Saltare lo speck spezzettato in padella senza alcun condimento.
- Tritare le noci grossolanamente.
- Lessare la pasta, scolarla piuttosto al dente e trasferirla in una pirofila da forno. Nappare il fondo della pirofila, con un mestolo di vellutata, condire la pasta con la restante salsa, lo speck e cospargere col trito di noci, il parmigiano e un filo di olio a piacere.

- Infornare a 200°C per 10'ca o fino a quando la pasta avrà formato una crosticina.
- Servire direttamente la pirofila in tavola.

Printfriendly

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

La cucina di Sabrina