venerdì 20 dicembre 2013

Torrone morbido




C'è sempre una prima volta.... anche per il torrone!!
Anni fa a casa di amici, avevo assaggiato il torrone fatto in casa. Che buono che era!!! Per niente stucchevole... e mi dissero che per farlo ci volevano ore ed ore, sempre a girare...
E' vero, bisogna girare, ma io ormai ho il mio Ken da qualche anno (mai Natale fu più gioioso) e chi mi ferma più!!! (Anche se Montersino asserisce che si può fare con un frustino elettrico)
Per cui complice il video tutorial dello Ziopiero, che vi consiglio caldamente, ho provato anch'io ed ho prodotto un ottimo torrone.
Certo l'estetica è da migliorare, anche perché credo di aver sbagliato qualcosa che ho scoperto dopo, ossia: anche la frutta secca che andiamo ad inserire deve essere calda (Montersino docet), pena l'indurimento più veloce e quindi difficoltà a stendere.
Ma come prima volta non mi lamento.
Ricordatevi che gli ingredienti devono di prima qualità! E ora...tuffiamoci nella montata bianca!!!!!

INGREDIENTI 
- 250 g Miele d'acacia
- 410 g Zucchero semolato
- 100 g Acqua
- 300 g Nocciole sgusciate e tostate leggermente in forno
- 300 g Mandorle pelate e tostate leggermente in forno
- 150 g Pistacchi di Bronte pelati (tuffare i pistacchi per 1' in acqua bollente e poi via di pazienza a spellare)
-   40 g Albumi (un albume e poco più)
- q.b. zeste d'arancia
- 1 Foglio di ostia da tagliare dimensione A4 oppure 2 fogli dim A4
- Montare perfettamente gli albumi e intanto che la macchina va, portare il miele con le zeste a 120° (eh lo so serve il termometro!)
- Lentamente versare il miele a filo sugli albumi montati, fermando la macchina e mescolando inizialmente a mano per evitare che il miele si attacchi alle pareti (come ho fatto io all'inizio) e continuando finché il composto si fredda.
- Mettere lo zucchero in un pentolino, versare l'acqua (non il contrario) per far si che lo zucchero s'idrati e portare alla temp. di 147°, deve diventare un caramello, e sempre mescolando alla minima velocità, versare a filo.
- Montare il gancio K e incorporare a più riprese la frutta secca calda, magari scaldandola qualche secondo al micro.
- Tagliare di misura il foglio di ostia se come me non trovate quelli in formato A4, e stendete il composto dalla parte ruvida, modellando con le mani umide.
- Poggiare l'altro foglio con la parte ruvida a contatto e stendete con il mattarello delicatamente all'altezza desiderata.
- Far raffreddare per un giorno intero e poi tagliare con un coltello affilato.

- Se iniziate oggi pomeriggio, domani potrete confezionare il vostro torrone.

                                                  FELICE NATALE A TUTTI!!

4 commenti:

  1. bello! anche questo è in programma ma il tempo scorre troppo in fretta!

    RispondiElimina
  2. Mariella De Lorenzo26 dicembre 2013 20:35

    E' OTTIMO ! Non è molto dolce e nemmeno stucchevole , è BUONISSIMO . Sono certa di non saperlo fare ( non sono molto attrezzata ), ma lo accetterò molto volentieri ogniqualvolta vorrai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono mooolto contenta che ti sia piaciuto!
      L'anno prossimo lo prepariamo insieme!! ;-)

      Elimina

Mi farebbe molto piacere se lasciaste traccia del vostro passaggio, con un commento, un saluto o anche una critica (se costruttiva e non offensiva).
-Sabrina.

Printfriendly

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

La cucina di Sabrina