martedì 11 febbraio 2014

Tartufo semifreddo al cioccolato e nocciola (ma anche no!)




Quante volte alla fine di un pasto al ristorante ci hanno proposto  come dolce il tartufo? Il nero con cuore bianco e il bianco col cuore nero!
Bene! Dimenticateli e affidatevi a questa golosità, sempre firmata Montersino (eh c'ho il libro devo ammortizzare la spesa?!).
Golosi quanto basta, con ripieno alla nocciola, che mica li trovate in giro così! Potete anche cambiare il ripieno e farlo al pistacchio, oppure come ho dovuto fare io per la nota allergia di Ale, ho tolto una parte della crema, prima di aggiungere la pasta di nocciola, ed ho ottenuto il ripieno alla vaniglia!
Non vi dico durante la preparazione quante volte ho leccato dita e spatole!
E cosa fondamentale, sono facili da fare...alla portata di tutti... se abbiamo la meringa italiana già pronta, è un attimo!
Successo garantito con i vostri commensali!
La dose intera è per 12 porzioni, ne ho fatta metà ed ho ottenuto 9 tartufi di cui 3 più grandi col ripieno alla vaniglia (forse perché gli altri sono più piccoli).

INGREDIENTI per 12 porzioni - con * i consigli che non si trovano sul libro
Semifreddo al cioccolato:
- 570 g Panna al 35% di grassi
- 300 g Meringa italiana
- 100 g Crema pasticcera alla vaniglia
-   30 g Cacao amaro in polvere

- Incorporare alla crema pasticcera il cacao setacciato, mescolando molto bene con una frusta, unire la meringa mescolando delicatamente dal basso verso l'alto *(entrambe le operazioni è bene farle con la crema tiepida; specie la meringa italiana che a differenza della panna vuole un composto tiepido).
-Infine unire la panna semi montata.
- con l'aiuto del sac-a-poche, distribuire il composto negli stampi in silicone precedentemente appoggiati in una teglia, senza arrivare al bordo.

Semifreddo alla nocciola:
- 250 g Panna al 35% di grassi
- 150 g Meringa italiana
- 100 g Crema pasticcera alla vaniglia
-   50 g Pasta di nocciole

- Incorporare la pasta di nocciole alla crema pasticcera (ovviamente prima di fare questo passaggio, ho messo da parte un po' di crema), unire la meringa italiana ed infine la panna semi montata (stesso procedimento di sopra).
- Trasferire il composto nel sac-a-poche e farcire il semifreddo al cioccolato, facendo in modo che la cupoletta diventi bella gonfia e tonda.
- Congelare immediatamente.

Per tartufare:
- 150 g Zucchero semolato
- 150 g Cacao amaro in polvere

- A congelamento avvenuto, smodellare delicatamente i tartufi e mescolarli nella miscela di cacao e zucchero.
* Prima di metterli nel piattino di servizio, appoggiarli su un altro piatto, dove cadrà l'eccesso di cacao
- La giusta consistenza di servizio è dopo 15' dalla 'tartufata'.
- Ovviamente vanno tartufati solo i pezzi che servono, gli altri devono stazionare in freezer senza il cacao.




4 commenti:

  1. Ciao Sabri grandiosa preparazione, una ricetta molto particolare che tu hai saputo renderla (grazie al tuo tutoral) alla nostra portata. Che dire ci hai abituati a sorprenderci, ma passare dal tuo blog, è sempre una meravigliosa sorpresa, per le prelibatezze che crei e per i straordinari risultati. Te lo dico con il cuore sei BRAVISSIMA e non è solo questo mio apprezzamento uno scambio di commenti. Mi piace venire da te perchè come ti ho detto spesso, qui io imparo molto, perchè tu sei brava anche nell'accompagnarci passo passo alla realizzazione della ricetta. SABRI? Non ti mollo più. ciao un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tiziana sei carinissima!
      Mi fa molto piacere sapere che quello che faccio sia apprezzato, perché io ci metto il cuore e l'anima in tutto.
      Ti abbraccio forte!

      Elimina
  2. WOW! Lo adoro!!! è una vera delizia!! Complimenti Sabrina!!! Un abbraccione! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che ti piaccia carissima!
      A presto

      Elimina

Mi farebbe molto piacere se lasciaste traccia del vostro passaggio, con un commento, un saluto o anche una critica (se costruttiva e non offensiva).
-Sabrina.

Printfriendly

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

La cucina di Sabrina