martedì 2 settembre 2014

Rombo ricomposto alla mediterranea


Archiviate le vacanze insieme a, mare (pochissimo), sole (quasi nullo) relax (?) e un viaggio fantastico a Berlino eccomi pronta bella carica ad affrontare i prossimi mesi!
Nei pochi giorni che ho passato nella casa delle vacanze, qualcosina di nuovo l'ho sperimentata e una di queste è il piatto del post di oggi.
Vi avevo parlato in occasione del post sul tortino alla nocciola (che è tanto facile quanto buono), dei miei ultimi acquisti in fatto di libri, e uno di questi è Accademia Montersino, una piccola enciclopedia dove vengono spiegate passo-passo molte tecniche sia di cucina che di pasticceria.
Sia chiaro che se cito questo o altri libri è solo perché sono veramente entusiasta dei contenuti e dell'autore, non c'è nessun altro intento!
Di libri e riviste di cucina ne ho tantissimi, ma da lettrice seriale quale sono, ho anche tantissimi libri di altro genere... tanto che tre anni fa,  per superati- limiti -di capienza nella libreria, sono passata all'e. book
con buona pace della carta stampata! Non per i libri di cucina però! Quelli devono essere necessariamente a colori, e con tante belle foto esplicative!
Ma non divaghiamo!!
Sfogliando quindi il libro, mi sono imbattuta in questa ricetta e pur non avendo a portata di mano il fidato coltello per sfilettare, mi sono cimentata ugualmente nell'impresa!
La ricetta in effetti è estremamente semplice e il risultato sulla bontà è indubbio, in quanto sono sapori tipici che si accompagnano a questo pesce; la particolarità, che lascia stupiti i commensali, è la presentazione!
Per cui, armatevi di un buon coltello per sfilettare e provate a servire il rombo ricomposto!

INGREDIENTI per 4

- Rombo chiodato, 1 da 800 g
- Patate lessate, 400 g
- Cipollotto, 80 g
- Timo, alloro, erba cipollina (l'ho sostituite con prezzemolo e origano perché non le ho trovate fresche)
- Olive taggiasche, 80 g
- Vino bianco, 150 g
- Olio evo, 20 g
- Sale e pepe
Per i pomodori confit:
- Pomodorini, 150 g
- Scorza di arancia e limone grattugiate (non essendo questo periodo di arance e soprattutto non trattate, l'ho omessa)
- Timo,
- Zucchero,
- Sale

- Sfilettare il pesce, seguendo la spina e cercando di mantenere intatta la lisca e la testa che serviranno dopo.
- Ricavare 4 filetti, eliminare la pelle e tagliare a piccole losanghe.
- Raccogliere i filetti in una ciotola con la cipolla tritata, l'olio, gli odori, sale e pepe; mescolare bene e lasciare macerare coprendo con pellicola.

Per i pomodori confit:
- Tagliare i pomodori a metà e disporli su una leccarda ricoperta di carta da forno.
- Spolverizzare con lo zucchero, il sale, il timo e le scorze (nel mio caso solo di limone). Condire con un filo d'olio e cuocere a °C per  ora e 1/2

Nel forno potete mettere anche la lisca irrorata con un filo d'olio, sale e pepe facendola cuocere per pochi minuti.
- Scaldare un filo d'olio in una padella e scottare rapidamente i filetti a fiamma vivace.
- Togliere il pesce e irrorare col vino bianco facendo ridurre.


Composizione del pesce:

- Tagliare le patate a rondelle e disporle sulla lisca cotta, alternandole ai filetti di rombo e ai pomodorini confit.
-Aggiungere le olive, il timo (o prezzemolo), l'alloro o origano e condire con un filo d'olio.
- Irrorare il pesce con la salsina al vino, coprire con carta forno e cuocere a 180°C per 4'.
- Guarnire con erba cipollina o gambi di prezzemolo e servire.



Nessun commento:

Posta un commento

Mi farebbe molto piacere se lasciaste traccia del vostro passaggio, con un commento, un saluto o anche una critica (se costruttiva e non offensiva).
-Sabrina.

Printfriendly

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

La cucina di Sabrina