lunedì 3 novembre 2014

I Buchteln


Dopo il Gughelopf che noi a casa chiamiamo Gughe (perché mica abbiamo capito a distanza di tempo come si pronuncia!), è la volta dei Buchteln, dolci lievitati originari della Boemia, molto conosciuti in Austria, spesso ripieni di confettura alle prugne o di altro tipo.

Però, siccome ai miei figli non piacciono le confetture nei dolci, li ho preparati 'in purezza'.

Sono di una sofficità unica, al pari forse delle Tarte tropezienne ... li ho già fatti diverse volte perché spariscono in un baleno!

Le modifiche che ho apportato alla ricetta sono poche e riguardano l'uso dell'olio di riso al posto del burro perché volevo provare a sostituirlo con qualcosa di più leggero e la pasta di limoni al posto delle scorze grattugiate!

Ora io vi dico come si fanno ... voi però fateli!



INGREDIENTI per 12 buchteln

- Farina 400 g (ho usato 100 g di Farina Rossetto W400 e 300 di farina 00)
(voi potete usare tutta 00 o 200 g di manitoba e 200 g di 00, fate voi)
- Latte, 170 g;
- Miele d'acacia, 1 cucchiaino;
- Lievito di birra secco, 2 g
- Tuorli, 3
- Olio di riso, 110 g (nella ricetta sono previsti 120 g di burro)
- Zucchero, 50 g
- Sale, 5 g
- Semi di vaniglia
- Scorza di arancia o limone (ho usato un cucchiaino abbondante di pasta di limone)
- Zucchero a velo

- Preparare il lievitino con il miele, il lievito, 100 g di farina presa dal totale e 100 g di latte tiepido; mescolare e far lievitare fino a raddoppio.
- Unire al lievitino la farina necessaria ad avere un impasto più sostenuto, e poi unire prima il latte e poi i tuorli, lo zucchero e la farina in 3 volte inserendo come sempre i vari ingredienti sempre dopo che i primi sono ben amalgamati.
- Se usate l'olio, unitelo lentamente per non smollare l'impasto, insieme al sale, la pasta di limoni e alla vaniglia; mentre il burro va unito morbido poco alla volta.
- Come sempre l'impasto finale dovrà presentarsi lucido e liscio. Fare una palla ben tesa e metterlo a lievitare, coperto e lontano da correnti d'aria (ottimo il forno con la luce accesa).
- Riprendere l'impasto, pesarlo e dividerlo in dodici palline (le mie pesavano 63 g l'una) da disporre unte con burro fuso o olio, nella teglia lasciando un po' di spazio tra loro.
- Far lievitare coperte, sempre in forno con luce accesa mettendo anche un pentolino di acqua calda e quando saranno ben unite, infornare a 200°C fino a leggera doratura, più o meno 15' dipende sempre dal forno.
- Una volta freddo, spolverare il dolce con zucchero a velo.



14 commenti:

  1. che bontà deve essere! Gran bella idea sostituire il burro con l'olio di riso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una nuvola! ...
      Ogni tanto cerco di sostituire il burro con l'olio, ma quello d'oliva ha un sapore forte, mentre quello di riso non si sente per niente...
      Così abbiamo meno sensi di colpa! ;-)

      Elimina
  2. che belle che sono,e sopratutto una bella ricetta che non conoscevo affatto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io non la conoscevo Mirtilla, ma mi ha conquistata!

      Elimina
  3. Sabrina questo deve essere una vera tentazione e mi attira anche ľ idea delľ olio di riso al posto del burro. Da rifare! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'olio di riso è stata una bella scoperta per me! Ho appena messo a lievitare un nuovo impasto dove l'ho utilizzato al posto del burro!
      I buchteln te li consiglio vivamente!
      Ti abbraccio ^-^

      Elimina
  4. Semplicemente ME-RA-VI-GLIO-SO!!!!!

    Bravissima Sabri!!!
    Grazie per averlo condiviso :*

    RispondiElimina
  5. Che bontà! Soprattutto se è sofficissimo. L'olio di riso è reperibile nei supermercati oppure nei negozi di alimentazione naturale?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non solo è sofficissimo appena fatto, ma si tiene bene anche nei giorni seguenti!

      Non oso immaginare con una confettura dentro (che purtroppo non uso perché in casa non a tutti piace)

      L'olio di riso lo prendo al super, ma credo che si trovo anche nei negozi "al naturale" ^-^

      A presto

      Elimina
  6. Appena sfornati!!! Sono stra-buoni!!! Li ho fatti mettendo 100 g di burro invece di 120 e sono ultra soffici, leggeri e briosciosi, complimenti e grazie per aver condiviso la ricetta!
    Sonia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai visto Sara che buoni??
      Sono proprio contenta che tu li abbia provati, e che hai lasciato qui la tua testimonianza con la variante del burro, che proverò di sicuro!!
      Grazie :-*

      Elimina

Mi farebbe molto piacere se lasciaste traccia del vostro passaggio, con un commento, un saluto o anche una critica (se costruttiva e non offensiva).
-Sabrina.

Printfriendly

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

La cucina di Sabrina