lunedì 23 febbraio 2015

Gli "inzupposi"




Ormai c'ho preso gusto a togliere "punti" al caro Banderas!

E quindi dopo aver prodotto dalle nastrine ai pangoccioli, passando per i biscotti alla panna, ho provato grande soddisfazione quando ho inzuppato questi biscotti nel caffellatte!

E' una ricetta veramente genuina e povera di grassi che si prepara in 10' o poco più!

E così piano piano la mia personale lista di prodotti per la colazione si allunga sempre di più con buona pace del caro Banderas!

Provateli senza indugio!!



INGREDIENTI:

- Farina Petra 5, 400 g
- Maizena, 100 g
(avendo finito la Petra, ho optato per la maizena, ma in realtà bastano 500 g di una buona 00)
- Uova intere, 3
- Zucchero semolato vanigliato, 110 g*
- Zucchero a velo vanigliato, 10 g*
- Latte, 90 g
- Olio di riso, 70 g
(potete usare anche un altro olio, basta che sia delicato)
- Lievito per dolci, 8 g
- Bicarbonato di sodio, 2 g
(oppure 10 g di ammoniaca per dolci, non di più, da diluire nel latte intiepidito)
- Zucchero di canna e/o semolato
- Zucchero a velo

- Impastare tutti gli ingredienti, formare dei filoncini e tagliare i tozzetti.
- Oppure, stendete la pasta ad un'altezza di circa 1/2 cm e coppare con formine rettangolari.
- Passare i biscotti nello zucchero di canna mescolato con quello semolato, spolverizzare con poco zucchero a velo ed infornare a 180°C per 15' ca. Devono leggermente dorare
Il mio forno è termoventilato, non ha la funzione statica per cui dovrete regolarvi.

* Lo zucchero semolato vanigliato non è nient'altro che zucchero con l'aggiunta di bacche di vaniglia usate ed essicate, posto in un barattolo chiuso ermeticamente.
Con le stesse bacche esaurite ed essicate, e una discreta quantità di zucchero semolato, faccio lo zucchero a velo vanigliato che al momento dell'utilizzo setaccio per eliminare eventuali parti "legnose" che il tritatutto non riesce a sminuzzare.



4 commenti:

  1. Sono buonissimi e semplice da preparare! Complimenti cara Sabrina! Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero facili e gustosi... ormai facciamo colazione con questi! :))))

      Elimina
  2. Eccoli i tuoi meravigliosi biscotti!!! Solo a guardarli fanno venir voglia di scaldarsi una bella tazza di latte!! Mi piace il tuo modo di ottimizzare le bacche della vaniglia. Sei grande Sabrina e questi biscotti sono una vera tentazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Erica!
      Poi detto tra noi ... le bacche di vaniglia, specie le Madagascar o le Bourbon, costano talmente tanto che è giusto utilizzarle completamente! ;-)

      Elimina

Mi farebbe molto piacere se lasciaste traccia del vostro passaggio, con un commento, un saluto o anche una critica (se costruttiva e non offensiva).
-Sabrina.

Printfriendly

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

La cucina di Sabrina