martedì 22 novembre 2016

Chantilly di panna cotta con caramello mou e streusel alla cannella



Spesso al ristorante per concludere il pranzo o la cena il cameriere ci porge il menù dei dolci e immancabilmente insieme al tiramisù e al tartufo compare la panna cotta la quale, se ci dice bene è un budino super dolce... se ci dice male è insapore e quindi  una volta finito lo strato superficiale di caramello o frutti di bosco viene lasciata nella sua coppetta!

Bene ... dato che non è assolutamente difficile prepararla in casa, ora che ho finalmente trovato la ricetta giusta, il dolce che ultimamente ho proposto più spesso è proprio  la panna cotta!

Perché è una chantilly? Perché alla classica preparazione, si aggiunge la panna montata che le dona una voluttuosa morbidezza!!

L'ispirazione parte dal libro 'Tiramisù e chantilly' di Montersino e pertanto il successo è assicurato ... di mio  ho aggiunto la salsa al caramello mou ...quindi le ricette sono due perché spiego anche come ottenere la fantastica salsa al caramello mou.

In sintesi potete fare la panna cotta guarnendola o con il caramello all'arancia e gli streusel (ricetta del libro) o con la salsa al caramello mou e streusel (variante mia).


INGREDIENTI: Per 8
Per la chantilly di panna cotta
- Panna fresca, 500 g
- Zucchero semolato, 80 g (nel libro 100 g)
- Latte fresco, 125 g
- Gelatina in fogli, 9 g
- Rum bianco, 5 g
- Vaniglia in bacca, 1/2

-Portare al bollore il latte con la bacca di vaniglia incisa. Unire la gelatina precedentemente ammollata e strizzata e farla sciogliere bene. Incorporare lo zucchero e mescolare con cura.
Togliere la bacca dal latte, profumare col rum e unire metà della panna fredda; mescolare coprire con pellicola a contatto e lasciar riposare. Quando la preparazione avrà raggiunto i 25°C (se non avete il termometro controllate che al tatto sia tiepida) unire la restante panna montata.

Per il caramello all'arancia
- Succo di arance, 60 g
- Zucchero semolato, 100 g
- Sale marino, 1 g

- In una pentola dai bordi alti, cuocere lo zucchero con 30 g di acqua senza mai toccarlo con mestoli o cucchiai fino ad ottenere un caramello biondo; fuori dal fuoco decuocere col succo d'arancia portato a bollore. Rimettere sul fuoco per un minuto, poi spegnere ed unire il sale.

Per gli streusel alla cannella
- Burro, 50 g
- Zucchero a velo, 50 g
- Farina di mandorle, 50 g
- Cannella in polvere, 0,5 g
- Farina 00, 50 g

- Impastare con le mani tutti gli ingredienti con il burro morbido in  odo da ottenere tante briciole.
- Disporle sulla teglia rivestita di carta forno e cuocere in forno caldo a 160°C per 15' ca.


Per la salsa al caramello mou
- Zucchero semolato, 150 g
- Acqua, 25 g
- Miele (o glucosio). 10 g
- Panna fresca, 100 g
- Burro morbido, 20 g
- Gocce di limone, 3 o 4

- Cuocere lo zucchero con l'acqua il miele (o glucosio) e le gocce di limone a fiamma bassa in una pentola a bordi alti ... senza fretta altrimenti il caramello brucia e aspettare pazientemente che imbiondisca senza toccare con cucchiai o mestoli. Quando lo zucchero sciogliendosi completamente avrà raggiunto un bel colore biondo, togliere dal fuoco, attendere qualche secondo e decuocere con la panna bollente. Mescolare con la frusta facendo attenzione agli eventuali schizzi anche perché il caramello a contatto con la panna farà delle bolle voluminose alzandosi di livello ... ma niente paura perché mescolando si riabbassa. Rimettere sul fuoco per far sciogliere gli eventuali grumetti e unire il burro morbido a pezzetti. Aspettare che si sciolga e spegnere il fuoco.
Attendere che raffreddi un po' e travasarlo in un barattolo.
Si conserva fino a 7 gg in frigo


Per la finitura del dolce
- Versare un po' di caramello all'arancio sul fondo dei bicchierini e poi la panna cotta; coprire e passare in frigo un paio d'ore. Versare sulla panna ormai stabilizzata altro caramello o la salsa al caramello mou, guarnire con gli streusel e decorare a piacere con scorza d'arancia e un pizzico di cannella.

4 commenti:

  1. Che bello il tuo coloratissimo blog! E anche questa ricetta sembra ottima, di sicuro la terrò a mente :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per i complimenti!
      Falla, mi raccomando! ;-)

      Elimina
  2. Complimenti Sabrina, che golosa visione!!!!

    RispondiElimina

Mi farebbe molto piacere se lasciaste traccia del vostro passaggio, con un commento, un saluto o anche una critica (se costruttiva e non offensiva).
-Sabrina.

Printfriendly

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

La cucina di Sabrina