martedì 30 gennaio 2018

Pandarancio con glassa al pistacchio


Nelle ultime settimane, il dolce che in assoluto ho preparato con più frequenza e che quindi ha deliziato le nostre colazioni e non,  è il pandarancio!
Perché?
Perché si fa in un attimo, è buonissimo e, decorato con la glassa, può essere un ottimo dolce da servire dopo un pasto importante!!
La prerogativa di questo dolce, è che l'arancia si usa  tutta, compresa la buccia (deve però essere bio o comunque non trattata); ha quindi uno spiccato sapore d'agrume, che abbinato alle mandorle o le nocciole nell'impasto, mia personale aggiunta, lo rendono un dolce veramente unico! (l'idea di partenza è di una signora  presente nel gruppo fb Anice e Cannella, io poi l'ho modificata e personalizzata per adeguarla ai nostri gusti)
Pronte ad accendere il forno e ad invadere la vostra cucina di profumo strepitoso?

Il mio Pandarancio

INGREDIENTI : Stampo bundt cake da 22 cm diametro

- Farina tipo 1, 220 g (o tutta 00)
- Mandorle con la pelle, 80 g (o nocciole*)
- Arancia, N. 1 da circa 250 g con bucia sottile*
- Uova medie, 147 g (3)
- Acqua, 100 ml*
- Olio di riso, 100 ml (o d'oliva o di semi)
- Zucchero, 210 g
- Lievito per dolci, una bustina

- Accendere il forno in modalità termoventilato a 175°C o statico a 180 °C
- Lavare accuratamente l'arancia, tagliarla in 4 spicchi , togliere la buccia, poi dividerla e tagliarla a pezzetti; quindi frullarla.
- Tritare finemente le mandorle con 30 g dello zucchero previsto e metterle in una boule insieme alla farina setacciata con il lievito; mescolare.
- Sbattere le uova con lo zucchero, unire i liquidi  e l'arancia frullata ed infine le polveri; mescolare con cura.
- Ungere lo stampo a ciambella che preferite, l'importante è il diametro per averlo bello alto e versare l'impasto.
- Cuocere per 40' ca. (dipende dalla modalità di cottura, regolatevi con lo stecchino dopo 35')
- Sfornare, sformare e far raffreddare.

Per la glassa al pistacchio:
- Cioccolato bianco, 100 g
- Pasta di pistacchio, 3 cucchiaini

- Fondere il cioccolato a pezzettini, poi unire la pasta di pistacchio e amalgamare bene.

Composizione del dolce:
- Una volta freddo, potete gustarlo spolverizzando con abbondante zucchero a velo, oppure lo potete glassare con la glassa al pistacchio e decorarlo con granella di pistacchio.

* Al posto della pasta di pistacchio, potete usare la pasta di nocciole in pari quantità e decorare poi con nocciole tritateSe la buccia dell'arancia è troppo spessa, provate a togliere un po' di abedo (la parte bianca) e poi procedete come indicato.
* Al posto dell'acqua, potete sostituire con  pari peso di latte fresco.




Versione con glassa alla nocciola

Nessun commento:

Posta un commento

Mi farebbe molto piacere se lasciaste traccia del vostro passaggio, con un commento, un saluto o anche una critica (se costruttiva e non offensiva).
-Sabrina.

Printfriendly

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

La cucina di Sabrina