giovedì 18 gennaio 2018

Pane ai cereali


Tempo e pazienza sono i fattori fondamentali per avere un Pane buono!
Poi, certamente entrano in gioco gli ingredienti, quali acqua, farina e lievito ... e se poi lo vogliamo fare diverso, ci sbizarriamo con i semi, farine particolari ecc..
In questo caso, affidandomi sempre al blog Pan di pane, ho realizzato un fantastico pane ai cereali e semi vari, partendo dal prefermento fatto con acqua, farina e una "lenticchia" di lievito.
Un pane...straordinariamente buono, che anche dopo diversi giorni in dispensa (la fettina "civetta"), non diventa duro e immangiabile ...un pane fatto con un mix di farine (sapori antichi del mulino marino - farro, enkir, segale e kamut) ... un pane ... il mio!


Pane ai cereali e semi vari (di lino, papavero e zucca)

INGREDIENTI:

- Prefermento
- Lievito fresco, 1 g oppure mezza bustina di secco;
- Farina ai cereali (per me mulino Marino), 110 g oppure integrale;
- Acqua di rubinetto, 90 ml
- Un pizzico di zucchero.

La sera prima, mescolare gli ingredienti in una ciotola e lasciare riposare tutta la notte a t.a.; deve triplicare.

- Tutto il prefermento, 200 g
- Farina, 400 g (integrale o ai cereali);
- Sale, 12 g
- Acqua, 200 ml per l'autolisi + 40 ml + 60 ml (dove faremo sciogliere il sale); Totale 300 ml
- Semi vari, 80 g

- Nella planetaria, con la foglia, sciogliere il prefermento con i 200 ml di acqua, unire la farina e mescolare fino a completo assorbimento e lasciar riposare per 30' o anche più se vi necessita (autolisi).
- Passato il tempo, dare qualche giro con la foglia e aggiungere i 40 ml di acqua. Lasciar riposare mezz'ora, poi unire 30 ml di acqua con il sale e una volta assorbita, unire gli altri 30 ml. Impastare.
- Mettete l'impasto ottenuto in una ciotola coperto a riposare, fino al raddoppio (circa tre ore).
- Prendete l'impasto, e allargarlo delicatamente dandogli forma di rettangolo  sulla spianatoia, infarinata con poca semola; inumidite con uno spruzzino e cospargete con i semi scelti. Arrotolate stretto e chiudere bene dalla parte più lunga(in pratica formate un salsicciotto). Arrotolate per formare una palla, pirlando leggermente..
- Mettete l'impasto a lievitare in un cestino (o nello scolapasta) foderato da un canovaccio ben infarinato con la semola, coprite e attendete che raddoppi (circa tre ore).
- Fate la prova, pigiando delicatamente con un polpastrello un lato dell'impasto, se torna su velocemente e senza lasciare un solco evidente, è pronto.
- Accendete il forno  a 240°C con la placca dentro.
- Ribaltate l'impasto sulla placca rovente (occhio alle mani!), inumidite leggermente e aggiungete altri semi,(facoltativo) praticate i tagli con la lametta e infornate per 50' ca con un pentolino all'interno del forno per generare vapore.
- Dopo 15' abbassate la t. a 200°C e finire la cottura.
- Negli ultimi 10' cuocere a spiffero (mettere una pallina di stagnola o un cucchiaio di legno allo sportello), togliendo il pentolino.
- Far raffreddare in forno, possibilmente in piedi, col forno aperto.

Nessun commento:

Posta un commento

Mi farebbe molto piacere se lasciaste traccia del vostro passaggio, con un commento, un saluto o anche una critica (se costruttiva e non offensiva).
-Sabrina.

Printfriendly

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

La cucina di Sabrina