lunedì 5 febbraio 2018

La "Cream tarte" a cuore



La torta "tormentone" del momento  è la cream tarte! E' bella, scenografica, facile da fare e super buona!
Si può fare con qualsiasi base: pasta frolla, sablée, sfoglia, pan di spagna ... e la si può farcire con creme golose ma sostenute, come quella al mascarpone o la namelka o la crema pasticcera ... insomma si adatta facilemente ai nostri gusti.
Anche con le sagome ci si può sbizzarrire e quindi si può fare a forma di lettere o numeri o come nel mio caso a forma di cuore! Le decorazioni poi sono la cosa più bella e rendono spettacolare il dolce: si va dai fiori eduli ai macarons, dalla frutta fresca alla cioccolata ...
Insomma è la torta perfetta!!
Per cui è chiaro che piace a tutti; ognuno la può personalizzare a proprio piacimento!
L'occasione per prepararla quindi non vi mancherà sicuramente: compleanni, ricorrenze particolari (festa della mamma, del papà..).
Questa, nella fattispecie, è a base di sablée alle nocciole e namelaka al cioccolato bianco e vaniglia con un leggero sentore di limone.
L'abbinamento della sablée alle nocciole (che è scioglievole al palato)  con la namelaka e i frutti rossi, è pazzesca! In quattro l'abbiamo divorata in un batter d'occhio tanto che non sono riuscita a fotografare la fetta!
Ma vi assicuro che la sablée è un tipo di pasta che si presta perfettamente al taglio, le fette non si rompono!
 Insomma  sono estremamente contenta del risultato, sia dal punto di vista visivo che di gusto 😏
San Valentino è alle porte! Non vi resta che provare!

Crem tarte cuore

INGREDIENTI: per 4 p (stampo a cuore mis. 22x25)
- Per la frolla sablée
- Nocciole sgusciate, 100 g (al posto delle nocciole potete usare mandorle o noci o pistacchi)
- Zucchero a velo, 120 g
- Burro freddo, 215 g (ma non troppo duro, Massari docet)
- Farina tipo 1, (anche 00 va bene) 230 g
- Fecola, 100 g
- Uova, N.1 (il mio pesava 54g)
- Sale, 2 g
- Acqua, 7 g

- Sciogliere il sale nell'acqua;
- Setacciare farina e fecola; tritare le nocciole con 20 g di zucchero a velo presi dal totale.
- Nella planetaria, mettere il burro a pezzetti, le farine e lo zucchero e lavorare con la foglia fino a sabbiare tra loro gli ingredienti (in pratica l'impasto deve sembrare granuloso come la sabbia bagnata); aggiungere l'uovo ed infine l'acqua con il sale. Non appena gli ingredienti sono amalgamati, fermare la macchina. Compattare l' impasto in un panetto, avvolgere nella pellicola e passare in frigo per  una notte.
- Preparare la sagoma a forma di cuore, e ritagliare la pasta stesa in una sfoglia sottile. (con la frolla che avanza potete fare dei biscotti o congelarla)Passare le
teglie con le sagome in frigo per almeno mezz'ora o comunque nell'attesa che il forno vada a temperatura.
Cuocere in forno a 170 °C (termoventilato) per 15' ca o comunque fino a quando la pasta inizia a colorirsi sui bordi.

Per la Namelaka al cioccolato bianco, vaniglia e limone:

- Panna liquida, 250 ml
- Latte, 125 ml
- Cioccolato bianco, 210 g
- Glucosio, 6 g
- Gelatina, 2 g
- Scorza di limone e vaniglia, q.b.
- Acqua, 10 g

- Reidratare la gelatina nell'acqua. Portare a bollore il latte con il glucosio, la scorza di limone e la vaniglia*.
- Sciogliere il cioccolato a bagno maria o al micro e colare il latte caldo attraverso un colino a maglie fitte in tre volte, mescolando delicatamente. Unire la panna ben freddae un po' di scorza di limone grattugiata ed emulsionare con il mixer ad immersione.
- Passare in frigo per 12 h.
- Il giorno dopo, montare con le fruste fino a che non diventa ben sostenuta.

Per decorare:
- Fragole, lamponi, meringhe, fiori (i miei sono in seta)...

Montaggio dl dolce:
- Mettere la crema nella sac-a-poche con bocchetta liscia e decorare con degli spuntoncini il primo cuore di pasta posto sul vassoio; appoggiare delicatamente il secondo cuore e decorare con altri spuntoncini e con le decorazioni.
- Conservare in frigo.


* Ho usato una bacca esausta, ossia già utilizzata, ma nel latte ha rilasciato comunque i semi. Per questo dico sempre di non buttare le bacche perché si possono utilizzare più volte anche quando non hanno più la polpa ... per aromatizzare il latte e la panna e non solo; lasciate asciugare all'aria o vicino ad un termosifone le vostre bacche vuote e mettetele in un barattolo con lo zucchero semolato o a velo. Avrete il vostro zucchero vanigliato naturalmente 

Nessun commento:

Posta un commento

Mi farebbe molto piacere se lasciaste traccia del vostro passaggio, con un commento, un saluto o anche una critica (se costruttiva e non offensiva).
-Sabrina.

Printfriendly

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

La cucina di Sabrina