lunedì 19 marzo 2018

La scarcella


Dolce tipico pasquale della mia città, San Severo, la scarcella non può mancare sulle nostre tavole! Ha il sapore delle cose buone, fatte in casa come si usava un tempo, e rifarla mi riporta indietro a quando bambina guardavo mia madre preparare questa treccia che posava nel tegame, lucidava col tuorlo d'uovo e lasciava a noi il compito di cospargerla di zuccherini! Vederla crescere e dorarsi in forno era uno spettacolo ...
Da mangiare rigorosamente il giorno di Pasqua, insieme alla cioccolata delle uova ...poi ovviamente la si porta alla scampagnata di pasquetta, la si inzuppa nel latte la mattina ...
Se quindi l'anno scorso vi ho fatto conoscere U pizz palumb,  quest'anno vi svelo come si fa  la scarcella, perché è bello portare a tavola la tradizione!

INGREDIENTI per 2 scarcelle da 22 diam

- Farina di tipo 1, 1 Kg  (o 00)
- Zucchero semolato, 400 g
- Olio d'oliva, 160 ml
- Uova, 6 medie
- Lievito istantaneo per dolci, 1 bustina
- Buccia grattugiata di un limone
Inoltre:
per decorare
- Tuorlo, 1
- Zuccherini colorati, q.b.
- Mandorle con la pelle, q.b. 

- Sulla spianatoia setacciare la farina con il lievito, formare il cratere e versare al centro lo zucchero le uova, l'olio e la buccia di limone; impastare come per una normale frolla. (siccome ogni farina ha un assorbimento di liquidi diverso, potrebbe capitare una pasta più morbida e quindi aggiungete la farina necessaria per avere la giusta consistenza; viceversa potrebbe servire poco latte se durante l'impasto vi accorgete che la pasta è dura) Dato che si usa l'olio, non è necessario il riposo in frigo.
- Dividere la pasta in 4 panetti uguali e allungarli dando forma di salsicciotto. Formare due trecce a due capi, e arrotondare a mo' di ciambella chiudendo l'estremità con una leggera pressione.
- Poggiare le scarcelle sulle teglie rivestite di carta forno, o se preferite negli stampi a ciambella.
- Sbattete il tuorlo e lucidate la superficie dei dolci, decorando con zuccherini colorati e qualche mandorla.
- Cuocere in forno caldo a 180°C per 35/40' ca. (dipende dal forno- devono dorarsi).


Nessun commento:

Posta un commento

Mi farebbe molto piacere se lasciaste traccia del vostro passaggio, con un commento, un saluto o anche una critica (se costruttiva e non offensiva).
-Sabrina.

Printfriendly

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

La cucina di Sabrina